I want your job

i_want_your_job

Ho colto questa immagine a Roma, di fronte al Ministero dello Sviluppo Economico.
Era il 27 febbraio, e si era in piena trattativa per la vicenda Micron.
Come fotografo ho seguito #casomicron, o meglio, è lui che ha seguito me.

Per quanto pesante, questa vicenda non è l’unica del suo genere, e mi sembra che questa immagine possa riassumere un periodo particolarmente difficile per il lavoro in Italia.

L’ espressione dello zio Sam fa pensare a una situazione di minaccia incombente.
Il nastro giallo che si staglia contro la facciata del Ministero può richiamare un’ idea di precarietà, lavori in corso, area pericolante… a seconda dell’ umore di chi guarda.

Continua a leggere

Uno sguardo al caso Micron – Reportage

Se state leggendo questo articolo da tablet o cellulare, l’immagine sullo schermo ruota per adattarsi ai vostri movimenti.
Se questo è possibile, lo dobbiamo anche a progetti sviluppati da persone che lavorano in Italia.
Ma ancora per poco.

casomicron_micron_volti_01Twitter – #casomicron

Il 7 Aprile scade il tempo per trovare un’ intesa sulla procedurà di mobilità avviata da Micron nei confronti di 419 persone, in gran parte laureati o diplomati in discipline tecnico-scientifiche: ingegneri elettronici, laureati in fisica con Phd, diplomati all’Istituto Tecnico di Elettronica.

casomicron_micron_volti_02Fra 13 giorni un pezzo importante dell’ hi tech italiano rischia di scomparire da Agrate Brianza, Arzano, Avezzano e Catania: brevetti e tecnolgie sviluppate da ricercatori italiani voleranno altrove, portandosi dietro tutto l’indotto generato in questi anni.

casomicron_micron_volti_07Persone altamente qualificate, formate dall’ Università italiana, cresciute in un’ altra grande realtà tecnologica italiana, STMicroelectronics, se ne andranno dal Paese in cerca di investimenti, in cerca di piani industriali seri, come Horizon2020. Continua a leggere

Reportage – Posti di lavoro che volano altrove

La silicon valley italiana in crisi protesta contro la fuga delle multinazionali.

crisi-brianza-hi-tech-micron-alcatel-manifestazione-06 palloncini badgeL’ eccellenza tecnologica italiana protesta contro i tagli che svuoteranno la Brianza di prodotti, brevetti e tecnolgie sviluppate da ricercatori italiani (15 dei 34 brevetti realizzati nel settore optics di Alcatel arrivano proprio da qui).

crisi-brianza-hi-tech-micron-alcatel-manifestazione-20 gabibbo striscia la notiziaIngegneri ed impiegati, i più colpiti dai provvedimenti, sono scesi in piazza bloccando la circolazione stradale.

crisi-brianza-hi-tech-micron-alcatel-manifestazione-12_resizeI lavoratori di Alcatel e Micron hanno manifestato partendo dalle sedi di Vimercate e Agrate Brianza per incontrarsi al casello autostradale di Agrate, nelle vicinanze della sede STM. Continua a leggere

I volti della crisi – Un reportage fotografico sullo sciopero Micron ad Agrate Brianza

Licenziati nonostante i profitti record della loro azienda: è la storia di 419 persone che stanno perdendo il lavoro.
E’ la storia che queste immagini cercano di raccontare.

micron-stm-agrate-sciopero-18Tre anni fa Micron rilevò da STMicroelectronics la divisione memorie.
Dopo aver registrato oltre 1 miliardo di utile nell’ ultimo anno, Micron Technology ha avviato la procedura di mobilità per licenziare oltre il 40% dei lavoratori italiani.

micron-stm-agrate-sciopero-21Resteranno a casa 419 dipendenti: 223 ad Agrate Brianza (Monza), 127 a Catania, 52 ad Arzano (Napoli) e 17 ad Avezzano (L’Aquila).

micron-stm-agrate-sciopero-19Gli esuberi Micron sono persone altamente qualificate, in gran parte laureati o diplomati in discipline tecnico-scientifiche: ingegneri elettronici, laureati in fisica con dottorato o Phd, diplomati all’Istituto Tecnico di Elettronica.

micron-stm-agrate-sciopero-15

micron-stm-agrate-sciopero-24

Questo reportage fotografico racconta lo sciopero dei lavoratori Micron supportati dai colleghi STMicroelectonics ad Agrate Brianza, Lombardia.

Continua a leggere