Persone che passano, parole che restano

Ho notato questa saracinesca passando da Corso di Porta Ticinese. Volevo una persona mossa sullo sfondo di una saracinesca nitida, quindi mi servivano un tempo d’esposizione lento (ma non troppo) …e una persona di passaggio.

Persone che passano parole che restano foxphoto blog 1

Ho scattato in priorità dei tempi impostando 1/13 secondo: abbastanza lento per creare l’effetto mosso, ma non così lento da far risultare mosso anche il resto della foto.

Ho ritagliato l’immagine in due formati diversi.

Nel taglio quadrato mantengo nell’inquadratura anche le gambe, che danno un maggiore senso di movimento. Mi piace molto l’effetto delle parole che sembrano sovrapporsi alla gamba della persona (…no, non vi racconterò che è un effetto voluto, ma va benissimo così).

Nel taglio orizzontale risaltano meglio le parole, ma a questo punto la persona mossa non ha molto senso.  Continua a leggere

Non si può certo negare che all’ EICMA ci sia stato un certo “movimento”

Con questa immagine ho voluto rendere l’idea del flusso di persone in movimento che ogni anno affolla l’ Eicma. Salito in cima allo stand BMW ho impostato un tempo di esposizione molto lento (1.6sec) per ottenere l’effetto mosso.

eicma_2013_b_01 bmwMentre cercavo l’ inquadratura migliore, ho pensato che all’ Eicma le uniche persone a non muoversi sono le modelle, e ho cercato di inserirle nell’ inquadratura per creare un contrasto.

In quest’ altra immagine infatti risultano ferme, e il fatto che attorno a loro ci sia un’ area di rispetto rende ancora più evidente il contrasto …il che ha anche il suo bel lato ironico, come se tutta la fiera ruotasse intorno alle Eicma girls, mentre noi sappiamo che non è così, vero? No, dico… Vero? 😉

eicma_2013_b_02 bmw

Di solito giro per gli stand del salone con la macchina impostata a 1600 ISO, ed è una di quelle occasioni in cui vorrei avere una reflex di nuova generazione con sensibilità ISO 12.500, o meglio ancora un obiettivo professionale f/2.8.
Eppure in questa occasione, per poter usare un tempo abbastanza lento, ho dovuto abbassare la sensibilità a 100 ISO altrimenti la foto sarebbe risultata sovra-esposta.

La prima immagine e’ scattata in priorità dei tempi impostando 1.6sec. Il diaframma è chiuso quasi al massimo (f/22), non per avere profondità di campo, ma per poter sfruttare il tempo di esposizione più lungo possibile. Continua a leggere