Chi non ricorda le care vecchie polaroid col bordo bianco?

Scomparse con il passaggio al digitale? Sembra di no.

La compagnia americana ne ripropone una versione digitale, riveduta e corretta, ma la vera sfida sembra quella di arrivare al sistema integrato fotocamera-stampante.

photoshow09_img_2157 La stampante portatile istantanea Polaroid PoGo utilizza la tecnologia di stampa Zero Ink™ di ZINK Imaging per ottenere stampe direttamente dal cellulare o da una fotocamera qualsiasi.

http://www.polaroid.com/pogo/it/index.html

Collegando PoGo alla porta USB della fotocamera, in 60 secondi si ottiene una stampa di 2″ x 3″ pollici (circa 5 x 7.5 cm).

Il vecchio bordo bianco un pò retrò è scomparso, sostituito da un più moderno retro adesivo.
L’ autonomia dichiarata della batteria è di 15 stampe (non proprio fenomenale…).

Come può funzionare senza inchiostro? Il trucco sta nella carta: Polaroid utrilizza la tecnologia “Zero ink”:

http://www.zink.com/

La “carta” Zink è un materiale composito formato da tre strati sovrapposti di “special dye cristals” (coloranti in forma cristallina).
Per proteggere questa “carta”, Zink ha pensato bene di applicarle non solo uno strato di polimeri, ma anche -e soprattutto- un centinaio di brevetti 🙂

I “cristalli coloranti”, bianchi a temperatura ambiente, sono attivabili singolarmente attraverso impulsi di calore. Temperatura e durata di questi impulsi determinano quale cristallo attivare,  in modo da ottenere tutte le sfumature di colore.

Per dirla in modo semplice, l’ “inchiostro” è già nella carta, ma viene “attivato” solo dove serve, punto per punto.

photoshow09_img_2153 photoshow09_img_2155

Polaroid ha in cantiere un sistema integrato fotocamera-stampante, che riporterebbe in auge il caro vecchio sistema di stampa istantanea.
Il lancio era previsto per marzo 2009, ma forse i tempi non sono ancora maturi.

Vista l’ autonomia limitata della batteria PoGo (15 foto), viene da chiedersi se la sfida piu’ grande di Polaroid non sia proprio questa: ridurre i consumi all’ osso, in modo da riuscire ad alimentare con la stessa batteria sia la fotocamera che la stampante integrata, mantenendo un’ autonomia accettabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *